Home > Ancora in gioco

Ancora in gioco

Ancora in gioco

Anche in questa pellicola si dimostra all'altezza di un Clint incredibile, un grande vecchio, tra i migliori attori in vita. Il Clint che ti aspetti viene fuori in un film con sceneggiatura scorrevole anche se piuttosto scontata! Un vecchio scout del baseball, capace di scovare talenti solo a vederli, riesce laddove in molti falliscono; la sua vita trascorre tra un campo e l'altro e non c'è tempo per le relazioni in famiglia. Da qui in poi viene fuori una storia un po' vecchia: A quattro anni dalla sua ultima interpretazione nel formidabile Gran Torino Clint Eastwood ritorna sul grande schermo anche se in un film che certamente non ricorderemo per via della trama troppo scontata.

Gus,un antipatico scout di baseball, dovrà portare a termine il suo ultimo incarico nella North Carolina malgrado cominci ad avere problemi alla vista, sarà accompagnato dalla figlia Mickey, con [ Film in cui il protagonista, un ex giocatore di baseball, ora scopritore di talenti sempre nel campo del baseball, deve appunto scegliere prima del suo forzato pensionamento l'ultima grande stella per la prossima stagione del campionato. Un classico film alla Eastwood: La trama: Un vecchio scout di giocatori di baseball concentra la sua esistenza nel selezionare giocatori guardandoli dal vivo e facendo le proprie personali statistiche senza usare il computer. L'uomo ha una figlia con cui ha un rapporto burrascoso e che sta cercando di diventare socia dello studio di avvocati dove lavora.

Quando l'anziano padre comincerà ad avere problemi di vista, la giovane [ Sono pochissime le autorità cinematografiche della Storia del Cinema che abbiano dimostrato una sorprendente versatilità e che abbiano lasciato il segno in ogni settore della produzione filmica come Clint Eastwood. Nonostante il previo annuncio del suo ritiro di fronte la macchina da presa, Eastwood decide di sfruttare ancora una volta basti ricordare una delle sue più indimenticabili [ Se il viso di Clint Eastwood non tradisse la contemporaneità del film si potrebbe pensare di star assistendo ad una pellicola di trenta, anche quaranta anni fa. L'impianto narrativo è classico, le scene si susseguono in modo lineare, la recitazione è senza sorprese e le battute sono facilmente prevedibili, ma nonostante questo la ostinata vecchiaia di Gus, talent scout [ E' la storia di Gus,un talent scout di baseball il migliore da anni e del difficile rapporto con la figlia,rampante avvocato sull'orlo di diventare socia in un importante studio, ma che non riesce a lasciarsi avvicinare da nessuno,per paura di essere abbandonata,come le è successo piu volte con il padre!

Gus comincia ad invecchiare,e rischia il pensionamento. Sarà che sono entrato in sala molto prevenuto aspettandomi il peggio, ma alla fine non sono uscito molto deluso da "Di nuovo in gioco". Si il film e' davvero scontato, i dialoghi sono terra terra, la sceneggiatura banale, la regia approssimativa, si il personaggio di Eastwood sembra una copia di quello interpretato in "Gran Torino", si Justin Timberlake e' sempre un cane a recitare, Amy Adams e' la [ Io l'ho trovato un miscuglio insipido di banalità.. Per non parlare della ridicola , prevedibilissima e fuori tema, direi storia romantica della figlia, che occupa gran parte della pellicola: Commedia leggera guardabile, ma nulla di speciale sotto tutti i punti di vista.

Non è noioso, non è un capolavoro ma ottimo per passare una serata tranquilla. L'unica pecca l'ho trovata in Justin Timberlake completamente inadatto al personaggio che doveva interpretare. Un Clint Eastwood che ormai interpreta se stesso , talent scout di giocatori di baseball saggio e scontroso. In crisi con l'avvento della tecnologia e ancorato ai vecchi metodi , riesce grazie alla sua caparbietà e tenacia a ricucire i rapporti con la figlia.

Un Clint Eastwood in stile "Millon dollar baby" ma in una sceneggiatura molto meno forte e molto più a lieto fine, [ Sicuramente da guardare. Tra gli sport più amati dagli americani: C'è Clint che semicieco quasi incendia una cucina, c'è Clint che piange sulla lapide della moglie davanti ad una birra, c'è Clint che in una rissa ordina all'altro di andare via prima che gli venga un infarto nell'ammazzarlo, c'è Clint che battibecca con la figlia, l'unica che possa domarlo e zittirlo.

Film molto istruttivo, serve a far capire cos'è il cinema. Parte da una sceneggiatura spesso modesta, con personaggi scontati, motivazioni da tv movie, banale happy end. Ma c'è dentro Clint Eastwood, che porta non solo la sua presenza, ma soprattutto i suoi tempi e i suoi modi di essere nel cinema. E accade il miracolo. Quello che non si riuscirebbe mai a capire se continuassimo [ Estwood e sempre lui, non potrei vederlo in altri atteggiamenti Fare l'amore e il ripetersi dello stesso gesto I coinvolgenti film sul baseball.

E questo è un film sul baseball ma che rispetto a Moneyball osannato ma per me un film mediocre punta frecciatina? Un film oltremodo convenzionale che sarebbe stato bene incastonato negli anni Novanta. Per un errore della programmazione proprio di mymovies, ci siam trovati sul cartellone questo film invece di un altro che volevamo vedere. A mio marito è piaciuto molto, e gli è uscita anche una lacrimina.

La storia è abbastanza semplice, forse non originale, ma nel complesso è un film che ho gradito. E intanto Clint non sbaglia un film.. Una bella storia. Buon film: Non prevedo un gran successo al botteghino. Questa volta non ci siamo! Clint è sempre bravo ma il film ha poca anima ,è monco,incompiuto. Sono rimasta delusa. Clint ha forse poco da dire? Cosi' sembra. Un film basato sul rapporto tra un padre e una figlia, interrotto a un certo punto dal padre, quando la figlia, ormai adulta, era solo una bambina e all'epoca fu affidata a dei parenti. La chiusura totale da parte del padre, porterà la figlia a metterlo con le spalle al muro, per capire fino a che punto tenesse a lei e se fosse disposto ad avere finalmente un rapporto basato su un dialogo [ Caso più unico che raro, Eastwood non è stato messo all'indice dalla Hollywood ultra-obamiana dopo la nota performance elettorale pro-Romney.

Sarebbe grottesco che lo fosse a casa nostra, dove le categorie ideologiche sono notevolmente differenti da quelle americane: Dietro alla macchina da presa di questa parabola sul baseball all'interno della quale si nascondono temi profondamente eastwoodiani, come il rapporto difficile tra un padre e una figlia, lo scollamento [ Forse bisognerebbe farlo vedere in tutte le scuole di cinema questo Di nuovo in gioco. Aiuterebbe i futuri cineasti a capire il ruolo e l'importanza della regia. Perché è vero che il film è opera collettiva, dove tutti, dall'autore del soggetto all'ultimo degli [ Il baseball, tanto caro alle platee ainencane. Il protagonista, Gus Lobel, è uno "scout" cioè uno di quegli esperti scopritori di talenti destinati, soprattutto se "battitori", a vincere presto sul campo.

Clint Eastwood è un vecchio guru dei talent scout nel baseball. Sta perdendo la vista e, orgoglio permettendo, si fa aiutare dalla figlia Amy Adams, avvocato ma altrettanto esperta in detto sport. Ad incitare il difficile avvicinamento padre-figlia sopraggiunge Justin Timberlake, ex battitore di talento ora bloccato da un incidente. Il terzetto porterà giustizia umana e sportiva laddove mancava.

Era da Nel centro del mirino che Clint Eastwood non recitava in un film a firma altrui ma, pur non personalmente diretto, Di nuovo in gioco è a ogni effetto un prodotto di scuderia. Ne è regista Robert Lorenz, che lo affianca in veste di produttore da quasi trent'anni; nel cast artistico figurano il direttore di fotografia Tom Stern, i montatori Joel Cox e Gary Roach, lo scenografo James [ Un titolo che, più che al film, sembra richiamarsi al suo interprete principale.

Lo fa, affidandosi a quel Rohert Lorenz che è stato il suo storico collaboratore negli ultimi vent'anni; come a dire che il vecchio Clint è andato sul sicuro. Bisognerà inventare una parola nuova per definire tutti quei film con protagonisti anziani, acciaccati, malati, con un piede nella fossa o magari sanissimi ma comunque decrepiti, che dilagano in questi anni. Del resto gli attori invecchiano, gli spettatori pure. O forse è il cinema a attraversare una delle sue periodiche crisi di senescenza, e i film finiscono per parlare proprio di questo.

Uno dei problemi nelle recensioni dei film sul baseball, come Di nuovo in gioco, è la tentazione, più o meno irresistibile di lasciarsi andare a banali metafore sportive. Io sono un essere umano, posso sbagliarmi, e quindi non so bene quale metafora usare per questo accomodante e poco sorprendente film diretto da Robert Lorenz e scritto da Randy Brown. Clint Eastwood è Gus, un vecchio scout che non si arrende alla vecchiaia nell'ultimo film che lo vede attore, non regista.

Michey Amy Adams è la figlia 34enne che vive da sempre un rapporto difficile con lui. Una commedia corale che gira intorno al concetto della casa vista come rifugio o ritrovo di affetti Ci vediamo a casa , una storia d'amore che parte dal G8 per raccontare un paese alla deriva Cosimo e Nicole , un film di donne che esplora la sessualità [ La storia del film è incentrata su un bravo scout del baseball Eastwood che cerca nuovi talenti sportivi [ Film in streaming Netflix. Film Film uscita. Film al cinema. Film commedia.

Film d'animazione. Film horror. Film thriller. Film d'azione. Film imperdibili Oggi al cinema. Eventi al cinema. Eventi Nexo Digital. Eventi Magnitudo con Chili. I Wonder Stories. Middle East Now. ArteKino Festival. Torino Film Festival. River to River Film Festival. Festa del Cinema di Roma. Tokyo International Film Festival. Le vie del cinema a Milano. Da Venezia a Roma. Mostra del Cinema di Venezia. Locarno a Roma. L'isola del cinema. Locarno Festival.

Nel piccolo paesino sono presenti due parchi giochi che finita la scuola si riempiono anche coi bimbi dei paesi vicini,. E quello al gioco a Sfruz è ancora un diritto. Anche in mezzo alla strada, quando è tempo di giocare, in barba alla fretta degli adulti. Come questi 3 comuni citati molti altri stanno seguendo e hanno seguito il loro esempio:. Ti è piaciuta questa bella notizia?

Inspiration Island: Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Inserisci una risposta in cifre: Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fifa 19 è ancora il gioco più venduto in Italia | Libero Tecnologia

Acquista online il libro E ancora un gioco? Da giocatore sociale a giocatore psicologico di Luca Sabetta in offerta a prezzi imbattibili su Mondadori Store. Fifa 19 è ancora il gioco più venduto in Italia. In più, con l'update alla versione , è stato risolto un problema causato da un glitch in Fifa 19 Ultimate Team. Traduzioni in contesto per "giochi ancora" in italiano-inglese da Reverso Context: E giochi ancora col pescecane, vero?. Di nuovo in gioco (Trouble With the Curve) - Un film di Robert Lorenz. Film sul baseball dalla traiettoria troppo dritta e prevedibile. Con Eastwood impiegato per . Di nuovo in gioco (Trouble with the Curve) è un film del diretto da Robert Lorenz. Il film segna il ritorno come attore protagonista di Clint Eastwood, il quale . Di nuovo in gioco, scheda del film con Clint Eastwood, Amy Adams e Justin Timberlake, leggi la trama e la recensione, guarda il trailer, trova la programmazione. 22 ore fa Le furie biancorosse espugnano il Bonelli e si prendono il vantaggio per la gara di ritorno di Aprile.

Toplists